Comune di Cupramontana

Palazzo Municipale Eremo dei Frati Bianchi Abbazia del Beato Angelo Eremo dei Frati Neri

 

Il nome di Cupramontana deriva dalla dea Cupra, la dea della fertilità adorata dalla popolazione preromana dei Piceni. Divenne poi un importante municipio romano. In periodo longobardo fece parte del ducato di Spoleto-Camerino cambiando nome in Massaccio. Successivamente, nel XIII secolo, entrò a far parte del Contado di Jesi e quindi dello Stato Pontificio. Solo dopo l'Unità d'Italia fu concesso il ritorno al nome antico di Cupramontana.


 

IN PRIMO PIANO

 Sostegno per l'inclusione attiva (SIA) (azioni per il contrasto alla poverta')
avviso
modulo domanda

 
 Comune di Cupramontana: contributi a sostegno di nuove piccole imprese nei settori commerciali ed artigianali.
Regolamento
Modulo di domanda


 
    Concessione di contributi per l'acquisto o la locazione di abitazioni a Cupramontana da parte di nuovi nuclei familiari formati esclusivamente da giovani.
 RIFIUTI: Differenziata al 57,75% in aprile. Leggi tutto
 RIFIUTI: per disincentivare e punire comportamenti scorretti ed incivili sono state approntate alcune telecamere di sorveglianza satellitare in prossimità delle isole ecologiche. Tutte le info sulla gestione rifiuti cliccando qui.

Bandiera verde

Premio Bandiera Verde www.bandieraverde.it

Cupramontana ha ottenuto la bandiera verde.

"Bandiera Verde Agricoltura" è un riconoscimento attraverso il quale si premiano aziende agricole, regioni, province, comuni, comunità montane e parchi che si sono particolarmente distinti nelle politiche di tutela dell’ambiente e del paesaggio anche a fini turistici, nell’uso razionale del suolo, nella valorizzazione dei prodotti tipici legati al territorio, nell’azione finalizzata a migliorare le condizioni di vita ed economiche degli operatori agricoli e più in generale dei cittadini.